La disdetta ordinaria

Concetto

La disdetta ordinaria è una dichiarazione di volontà, di sospendere unilateralmente il rapporto di lavoro, osservando i termini e le scadenze prescritti.

Ambito di applicazione e ammissibilità

Ambito di applicazione

La disdetta ordinaria è il consueto motivo di cessazione per il rapporto di lavoro di durata indeterminata. Nel caso di un rapporto di lavoro di durata determinata, la disdetta ordinaria è esclusa per principio od obsoleta.

Ammissibilità

Vale il principio della libertà di disdetta, vale a dire che una disdetta non è vincolata a determinati motivi. Una disdetta abusiva provoca un obbligo di indennizzo, tuttavia sospende anche il rapporto di lavoro.

Obbligo di motivazione

Se il rapporto di lavoro è disdetto dal datore di lavoro, la disdetta deve, a richiesta dell’altra parte, essere motivata (art. 335 cpv. 2 CO). Nel caso di una violazione dell’obbligo di motivazione, sono possibili le seguenti sanzioni:

  • diritto di adempimento ottenibile in via giudiziale
  • nel caso della valutazione delle prove, inserimento riguardo ad un’eventuale fattispecie di abuso
  • imposizione delle spese processuali.

Termini di disdetta e scadenze

Cenni generali

I termini di disdetta perseguono l’obiettivo di concedere alle parti un po’ di tempo per adattarsi alla fine del contratto (ricerca di un nuovo lavoratore o di un nuovo posto). Il termine inizia a decorrere dal momento della ricezione della disdetta.

Scadenze di disdetta perseguono una determinata coordinazione del momento della fine.

Termini e scadenza legali

La legge prevede i seguenti termini di disdetta:

  • durante il periodo di prova: sette giorni per la fine di una settimana (art. 335b cpv. 1 CO)
  • durante il primo anno di servizio: un mese (art. 335c cpv. 1 CO)
  • dal secondo fino al nono anno di servizio: due mesi (art. 335c cpv. 1 CO)
  • a partire dal decimo anno di servizio: tre mesi (art. 335c cpv. 1 CO)

Per principio la scadenza di disdetta legale è la fine di un mese. Un’eventuale modifica contrattuale dei termini richiede un accordo scritto.

Disdetta abusiva

Requisiti

  • Esistenza di una disdetta ordinaria
    • Di conseguenza, la protezione dalla disdetta non trova applicazione sulle disdette per giusta causa o fine del rapporto di lavoro in seguito a scadenza del termine o contratto di risoluzione.
  • Esistenza di un fatto di abuso
    • Un fatto di abuso intercorre nei seguenti casi (vedi art. 336 CO):
      • Disdetta per una ragione intrinseca alla personalità del destinatario, salvo che tale ragione sia connessa con il rapporto di lavoro (ad es. a causa dell’età, della nazionalità, della salute).
      • Disdetta perché l’altra parte esercita un diritto costituzionale.
      • Disdetta soltanto per vanificare l’insorgere di pretese dell’altra parte.
      • Disdetta perché l’altra parte fa valere in buona fede pretese derivanti dal rapporto di lavoro.
      • Disdetta perché l’altra parte presta servizio obbligatorio svizzero, militare o servizio civile.
      • Disdetta da parte del datore di lavoro per l’appartenenza o la non appartenenza del lavoratore a un’associazione di lavoratori o per l’esercizio di un’attività sindacale.
      • Disdetta da parte del datore di lavoro durante il periodo nel quale il lavoratore è nominato rappresentante dei lavoratori in un’istituzione aziendale o legata all’impresa.
      • Disdetta da parte del datore di lavoro nel quadro di una disdetta collettivo, senza che siano stati consultati la rappresentanza dei lavoratori, o in mancanza, i lavoratori medesimi.

Effetti legali

  • Fine del rapporto di lavoro:
    • L’abuso non cambia niente alla disdetta ordinaria.
  • Diritto di indennità:
    • La parte che disdice abusivamente deve all’altra un’indennità. L’indennità è stabilita dal giudice.
  • Diritto a risarcimento dei danni:
    • Sono salvi i diritti al risarcimento del danno o a riparazione morale per altri titoli giuridici.

Disdetta in tempo inopportuno

Requisiti

  • Esistenza di una disdetta ordinaria
    • Di conseguenza, la protezione dalla disdetta non trova applicazione sulle disdette per giusta causa o fine del rapporto di lavoro in seguito a scadenza del termine o contratto di risoluzione.
  • Scadenza del tempo di prova
  • Disdetta in tempo inopportuno
    • Nel caso dei seguenti fatti intercorre una disdetta in tempo inopportuno (vedi art. 336c cpv. 1 CO):
      • Fattispecie del datore di lavoro:
        • Disdetta mentre il lavoratore presta servizio obbligatorio svizzero, militare o servizio civile, nonché, se il servizio duri più di undici giorni, nelle quattro settimane precedenti e seguenti.
        • Disdetta mentre il lavoratore è impedito di lavorare, in tutto o in parte. a causa di malattia o infortunio non imputabili a sua colpa, per 30 giorni nel primo anno di servizio, per 90 giorni dal secondo sino al quinto compreso e per 180 giorni dal sesto anno di servizio.
        • Disdetta durante la gravidanza e nelle 16 settimane dopo il parto della lavoratrice.
      • Fattispecie del lavoratore:
        • Un lavoratore non può disdire il rapporto di lavoro se un suo superiore, di cui è in grado di assumere la funzione, o il datore di lavoro stesso, è impedito, a causa di servizio obbligatorio svizzero militare o servizio civile, di esercitare la sua attività e tale attività deve essere assunta dal lavoratore.

Effetti legali

  • Nullità della disdetta:
    • Le disdette pronunciate in tempo inopportuno sono nulle (vedi art. 336c cpv. 2 e art. 336d cpv. 2 CO).
  • Sospensione del termine di disdetta:
    • Se la disdetta è avvenuta prima dell’inizio del termine di carenza, ma il termine di disdetta non è ancora scaduto fino allora, allora il suo decorso (della disdetta) viene interrotto e prosegue soltanto alla fine del termine di carenza (vedi art. 336c cpv. 2 e art. 336d cpv. 2 CO).

Drucken / Weiterempfehlen: